Essenze

Lavorazione legno in provincia di Bergamo

L’Atelier Di Filippo per ogni realizzazione utilizza  specifiche essenze, le migliori disponibili sul mercato e a scelta tra un'ampia gamma di tipologie, che offrono caratteristiche differenti sia in termini estetici, qualitativi ed in grado di venire incontro alle esigenze e gusti di tutta la clientela.  In particolare, da Atelier Di Filippo è possibile trovare abete, larice, pino, acero, betulla, castagno, ciliegio, frassino, faggio, noce, olmo, ontano, pioppo, platano, quercia, tiglio e legni esotici extraeuropei.

Le essenze

Scopriamo nel dettaglio le essenze offerte nella realizzazione dei nostri prodotti:

ABETE: 
È una pianta bellissima che cresce ad altitudine superiore ai 1200m. È di forma piramclassale e può raggiungere anche i 40 metri di altezza; il suo colore è bianco con venature regolari
legno di abete

PINO:

Esistono diversi tipi di pini. Il pino italiano che cresce spontaneamente in ogni parte d'Italia ed Europa, il legno è rossiccio venato, a volte molto nodoso. Il pino marittimo con la sua caratteristica forma ad ombrello è duro e pesante, ricco di resine e cresce sopratutto vicino al mare formando intere pinete che emanano un profumo intenso. Il pino silvestre oltre che in montagna cresce anche in pianura sino a 1700 metri di altitudine. Il pino di Careglia o pino di Svezia come dice il nome stesso è di provenienza Svedese, è di colore rosa con venatura uniforme ed è molto apprezzato anche dai mobilieri che lo utilizzano frequentemente per la costruzione dei mobili. Uno dei suoi maggiori pregi è l'assenza quasi totale di nodi.
legno di pino

BETULLA:

È un legno molto comune e ha le stesse caratteristiche dell'acero, è di colore leggermente più scuro ed è di fibra più tenera.

legno di betulla


CILIEGIO:

Questo legno, poco utilizzato in passato, ha conosciuto negli ultimi anni un notevole incremento di utilizzo. Ciò è dovuto al suo bel colore rosa-giallo con venature particolari che risaltano per la particolare lucentezza. Ci sono varie specie di ciliegio; i tronchi migliori vengono utilizzati per farne impiallacci, mentre le parti meno pregiate si utilizzano per le torniture e per la costruzione di oggetti vari come le pipe, che restano a lungo odorose grazie al profumo che questo legno emana.
legno di ciliegio

FAGGIO:

Non cresce oltre i 1800 metri di altitudine. Talvolta le piante possono raggiungere i 35 metri di altezza, in particolare nelle fitte boscaglie dove le piante si innalzano per un'infinità di lavorazioni, grazie alla sua malleabilità e compattezza, di colore chiaro al naturale diventa bruno rossastro quando viene vaporizzato. Questo trattamento viene fatto per aumentare la resistenza all'umclassitò ed al tarlo. Non essendo adatto per uso esterno, se richiesto dovrà essere trattato con particolari vernici resistenti agli agenti atmosferici.
legno di faggio

OLMO:

In Italia è molto usato per tutti i tipi di lavorazioni. La pianta può raggiungere i 35/40 metri di altezza e 2 di diametro. Il fusto è abbastanza diritto, per tale motivo classeale per farne dei tranciati. Il colore è bruno rossiccio, l'alburno è molto più chiaro del durame. Le venature sono paragonabili al noce per la loro bellezza, è duro compatto e pesante. Per la sua resistenza viene utilizzato per le ruote di carri, mulini, armature di navi, vetture ferroviarie e banchi da falegname.
legno di olmo

PIOPPO:

È un legno che viene coltivato in alta italia anch'esso cresce rapidamente in terreni umidi e/o paludosi. Il colore è bianco, è molto leggero, fragile, facilissimo da lavorare. Non resiste agli agenti atmosferici e per la sua duttilità viene usato per farne tranciati e successivamente compensati. Tutta la pianta, anche i rami, vengono ridotti in trucioli per la fabbricazione di pannelli truciolati.
legno di pioppo


QUERCIA:

Molte sono le specie di quercia: il rovere, il cerro, il leccio, il sughero ecc. A causa della sua larga diffusione è uno dei legni più utilizzati ed anche uno dei più economici. Il legno è molto duro, resistente all'acqua e all'aria. Il suo colore è giallo crema ma contiene molto tanino. Immerso nell'acqua per lungo tempo il tanino lo fa diventare scuro fino a sembrare ebano. In falegnameria se ne fa gran uso, impiegato come massiccio o impiallacci. È un ottimo combustibile infatti le piante più scadenti o nostrane vengono usate per farne legna da ardere

legno di quercia





LARICE:
Cresce anch'esso in montagna e può raggiungere i 30/35 metri di altezza. Il suo legno è molto duro e resiste a lungo all'azione dell'acqua. Il suo durame è di colore rosso fortemente impregnato di resina ed è per questo che resiste bene agli agenti atmosferici; per questa ragione è ampiamente utilizzato per gli esterni
legno di acero

ACERO:

È un albero assai diffuso ed è uno dei legni più richiesti in falegnameria. Si utilizza massiccio o tranciato a fogli di impilacciatura a grana bianca fine e compatta. Si può tingere in qualsiasi colore e poi lucclassare facendone risaltare le splendclasse venature madreperlacee. Ottimo per i lavori di tronitura, non si screpola nè si deforma ma marcisce facilmente se esposto ad agenti atmosferici.

legno di acero








CASTAGNO:

È molto diffuso in Italia. Vi sono immensi boschi di castagni ma di solito non crescono oltre i 1400 metri di altitudine. Il fusto è assai grosso ed è anche tortuoso, per questo motivo la venatura è molto sinuosa. Si utilizza molto per farne impiallacci ma anche per lavorazioni massicce del mobile. Non resiste alle intemperie.
legno di castagno



FRASSINO:

Cresce a tutte le latitudini. È un legno di colore bianco panna, a venature strette, molto duro, compatto, elastico. Se ne fa gran uso ed è possibile tingerlo di qualsiasi colore. Si utilizza sopratutto per farne impiallacciature ma anche per tutti quei lavori che richiedono l'uso di legno massiccio non deformabile essendo di venature dritta e stabile.
legno di frassino




NOCE:

Noce è sinonimo di mobile di pregio. La zona italiana più conosciuta per il "noce nazionale" è di Sorrento. Legno duro, di bell'aspetto, le sue vanture vanno dal bruno-chiaro al marrone,a seconda della provenienza. Non resiste all'aperto ed il massiccio è spesso intaccato dai tarli. Invecchiando questo legno acquista pregio e qualità; il suo utilizzo è vario: dai mobili d'arte agli interni di automobili e persino per la costruzione di calci dei fucili.

legno di noce

OTANO:

È un'albero che cresce velocemente in terreni umclassi e paludosi. È molto utilizzato per la fabbricazione di stampi o sculture di grandi dimensioni grazie alla facilità di intaglio che lo caratterizza essendo le fibre dure e compatte ma malleabili e non contorte. Essendo di colore bianco, in falegnameria si utilizza molto come legno da tingere facendolo assomigliare ad altri legni.
legno di otano










PLATANO:

I platani sono tra le piante più conosciute: è noto a tutti lo splendido effetto che essi creano quando costeggiano splendidi viali e lunghe strade o la frescura all'ombra delle loro folte chiome nei caldi e afosi pomeriggi estivi. Il colore del suo legno è bianco-rossiccio, simile al faggio ma molto meno pregiato e si tarla facilmente se non trattato. La grana fine ne permette una buona lavorazione e il falegname sfrutta il disegno delle sue venature per creare motivi di decoro a fantasia.
legno di platano
TIGLIO:

Legno di colore rosa beige è molto tenero, omogeneo, non soggetto a screpolature non avendo fibra dura. Per questo motivo viene molto utilizzato da intagliatori e scultori di oggetti d'arte e statue. Viene usato anche per tanti piccoli lavori comuni come le matite o gli zoccoli. Non è adatto per uso esterno non essendo resistente agli agenti atmosferici. Viene coltivato lungo le strade ed i viali cittadini; molto caratteristico è il profumo che emana in primavera.

legno di tiglio

LEGNI ESOTICI (EXTRAEUROPEI):

L'industria del legno si fornisce ormai quasi esclusivamnete di legni di prvenienza extraeuropea, americani o africani, che a parità di qualità costano meno. Tra i legni extraeuropei più comuni ci sono: il rovere, l'acero, il noce e tra i più pregiati l'ebano, il legno di rosa, il mogano, il palissandro, il pitch-pine, il teak e il cedro.

Serramenti e mobili delle migliori essenze legnose, vieni a scoprirli 
 in Via Enrico Fermi, 3
Share by: